Riccardo Sabatini

Un algoritmo e poche gocce di sangue.

di Barbara Romano

E’ tutto quello che serve per scoprire come sarà il tuo volto, il tuo peso e perfino la tua altezza. Benvenuto nel futuro.

Sembra un film fantascientifico, e invece quei bravi ragazzi della Silicon Valley hanno messo appunto un’autentica rivoluzione genomica. Che ha i colori dell’Italia. Sì perché nel team di ricercatori che ha sviluppato la “formula matematica”, c’è il 34enne bresciano Riccardo Sabatini, un guru della fisica passato alla genomica.

esf-ks3H--258x258@IlSole24Ore-Web

Non a caso, è toccato a lui il compito di annunciare la scoperta al Ted 2016, il palcoscenico delle menti più brillanti al mondo. Gli organizzatori della conferenza, che quest’anno si è tenuta a Vancouver, quando si sono resi conto della scoperta, hanno riaperto le liste già chiuse e hanno piazzato Sabatini davanti a tutti nella sessione principale. Intervistato dal Sole 24 Ore, il fisico italiano, con la semplicità dei grandi geni, ha spiegato:

“con lo stesso approccio con cui prediciamo i caratteri fisici di una persona, attraverso la lettura del genoma arriveremo a studiare farmaci e cure personalizzate. Per prevenire e curare le grandi malattie del nostro secolo.”

Si chiama, infatti, Human Longevity la start-up che studia il genoma per farci vivere meglio e più a lungo. Nel team americano Sabatini ci è arrivato in poche, semplici mosse. Scrive una email a Craig Venter (l’uomo che per primo ha sequenziato il DNA) e a Peter Diamandis, mente e braccio di Human Longevity.

Dieci giorni dopo Sabatini è assunto e ottiene il visto 01, due numeri che indicano gli stranieri con abilità eccezionali. I due creatori della start-up si sono resi conto che l’italiano doveva assolutamente entrare nella squadra con la più profonda conoscenza al mondo del DNA.

In breve, il gruppo raccoglie 70 milioni di dollari per portare avanti le incredibili ricerche. Istruzioni per l’uso: il team ha costruito la più grande banca dati della storia sull’essere umano.

Decine di migliaia di genomi sequenziati, migliaia di fenotipi fra cui fotografie 3d, voce, scanner della corteccia cerebrale e di tutto il corpo, test attitudinali e psicologici, patologie.

Con questo database, Human Longevity è in grado di studiare come il genoma contribuisce a formare l’altezza di un individuo, il peso, l’età, il colore della sua pelle e anche la sua faccia.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *